Asta Btp regala ossigeno ai mercati finanziari: snobbato downgrade di Moody’s

La seduta di oggi è stata molto importante in quanto i mercati finanziari avrebbero potuto reagire molto negativamente all’ennesimo downgrade di 6 Peasi dell’eurozona, Italia inclusa, questa volta da parte dell’agenzia Moody’s. Invece niente di tutto questo, dopo una partenza necessariamente negativa i mercati hanno reagito positivamente grazie anche al buon esito dell’asta odierna dei Btp.

Il Tesoro ha collocato oggi buoni del per il valore di 6 miliardi di euro con un rendimento ai minimi da un anno (marzo 2011). Il tasso d’interesse è infatti sceso dal 4,83% di gennaio al 3,41% di oggi.
Risulta evidente quindi la contraddizione avvenuta in queste ore: downgrade dell’Italia e abbassamento dei rendimenti dei titoli di Stati italiani.
Probabilmente il giudizio negativo di Moody’s era già stato ampiamente scontato dal mercato che quindi non è stati più di tanto influenzato.
Bene quindi anche lo spread tra i Btp decennali e i Bund tedeschi che in apertura di seduta aveva toccato i 380 punti per poi indebolirsi a 360.

A giocare un ruolo positivo nel mercati europei ha contribuito anche la crescita inattesa dell’indice Zew tedesco che indica la fiducia degli investitori tedeschi. Lo Zew è balzato a 5,4 punti per il mese di febbraio dopo aver fatto registrare un -21,6 punti a gennaio. L’attesa era posizionata a -12 punti, quindi molto al di sotto del livello realmente raggiunto.
Tutto ciò determina un “sentiment” finanziario positivo sul Vecchio Continente che da fiducia ai principali listini europei.

Miglior Broker Opzioni Binarie Regolamentato

Lascia un commento:

Lascia un commento