Emissione Bond per Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo ha perfezionato il riacquisto di titoli subordinati per un totale nominale di 1,22 miliardi di euro con un beneficio, in termini di utile netto nel primo trimestre 2012, pari a circa 180 milioni di euro, comprensivo dell’effetto positivo della chiusura dei derivati di copertura dal rischio di tasso.

Di conseguenza il miglioramento del Core Tier 1 ratio dell’istituto milanese sarà di circa 6 centesimi di punto, considerando gli attivi ponderati per il rischio (Rwa) al 30 settembre 2011. Inoltre Intesa Sanpaolo per la seconda volta quest’anno lancerà un’emissione obbligazionaria.

Dopo quella da 1,5 miliardi di euro dello scorso 31 gennaio oggi la banca ha fissato il pricing di un’emissione quinquennale da un miliardo di euro e, secondo quanto riferito da una fonte vicina all’operazione, ha ridotto il rendimento offerto per il suo bond a 5 anni del tipo senior unsecured, visto l’elevato ammontare degli ordini.

Il bond sarà prezzato più tardi oggi per offrire un rendimento pari a 355 punti base sopra il tasso del midswap. La guidance prima era di 355-360 punti base sul tasso del midswap. A gennaio l’emissione di Intesa ha pagato un coupon del 4% con un prezzo di 295 punti base sul mid swap per un titolo con scadenza 18 mesi.

L’ammontare indicato del nuovo bond viene confermato a un miliardo per il momento, contro un libro ordini di oltre 2 miliardi. Lead manager dell’operazione sono Banca Imi, Bnp Paribas, Credit Suisse e JP Morgan. Intesa Sanpaolo ha rating A2, BBB+ e A- rispettivamente per Moody’sm, S&P’s e Fitch. A piazza Affari attualmente il titolo Intesa Sanpaolo sale dell’1,30% a 1,5610 euro con lo spread Btp/Bund arretrato sotto 350 punti a 348 punti.

Miglior Broker Opzioni Binarie Regolamentato

Lascia un commento: