Titoli di Stato Italia: btp al 4%

Siamo sempre alla ricerca di un buon investimento da proporre ai nostri lettori. Oggi, vogliamo segnalare, un’obbligazione di Titoli di Stato italiani Btp al 4%.

Ci sentiamo di sconsigliare in questo momento esposizioni verso il mercato azionario ed invece pensiamo sia meglio spingersi su investimenti obbligazionari con minor volatilità e discreta resa.

Abbiamo selezionato un Btp Italia (codice ISIN IT0003934657) con scadenza lunga: 1° febbraio 2037. L’idea non è certo quella di mantenere il titolo in portafoglio fino al 2037, bensì di vendere il titolo non appena lo spread, oggi tornato ad elevati livelli, decida di scendere un pò.

Infatti, questo Btp ha una cedola interessante (4%), ma un prezzo d’acquisto ancora più intrigante (circa 76-77). Si tratta di una vera occasione a prezzi da super-saldo.

Gli investitori che oggi comprano il titolo a questo prezzo e che volessero mantere il titolo fino a naturale scadenza (2037) vedranno incrementato il loro patrimonio di circa il 30%, oltre naturalmente alla cedola annuale del 4%. Ricordiamo infatti che a scadenza il titolo viene pagato a valore nominale, ovvero 100.

Gli investitori più dinamici che non vogliono mantenere in portafoglio il titolo fino al 2037 potranno venderlo in qualunque momento (dal lunedi al venerdi a mercati aperti). La vendita potrebbe scattare non appena il prezzo del titolo cresce del 3-5%, cosa assai possibile nel prossimo breve periodo. Il guadagno sarebbe quindi immediato e la cedola verrebbe pagata in proporzione al periodo di mantenimento del titolo stesso.

In generale, la cedola del 4% viene pagata in due fasi: una metà il primo febbraio di ogni anno, e l’altra metà 6 mesi dopo, ovvero il primo agosto di ogni anno.

Ricordiamo, inoltre che i Btp, a differenza delle obbligazioni corporate tassate al 20%, sono ancora sottoposte ad una tassazione del 12,5%. Altro motivo, non da poco, per comprare titoli di Stato italiani e in particolare il Btp 4% IT0003934657.

 

Miglior Broker Opzioni Binarie Regolamentato

Lascia un commento: